Assistenza

Siamo qui per aiutarti
+39 091 7574592

Orario Uffici:

L 
16:30-19:30
M/M/G/V/S 
10-13:00 – 16:30-19:30 
D e F chiuso
Immagine per il produttore Carlo Carrà

Carlo Carrà

Carlo Carrà nasce a Quargnento, in provincia di Alessandria, nel 1881.

Quintogenito di un calzolaio, scopre la sua vocazione per la pittura all’età di sette anni, durante una convalescenza che lo costringe a letto per più di un mese, in cui trascorre il suo tempo a disegnare. Si forma a Valenza del Po approcciandosi alla pittura di decorazione. Nel 1895 si trasferisce a Milano, dove si iscrive ai corsi serali dell’Accademia e visita spesso la Pinacoteca di Brera e il Museo Poldi Pezzoli. Verso la fine del secolo si dirige verso Parigi, allettato dalle opportunità che la capitale francese gli può offrire e visitando il Louvre, il Petit Palais e il Palais du Luxemburg resta affascinato dai capolavori di Renoir, Cézanne, Pissarro, Sisley, Monet, Gauguin, come testimoniato nella sua autobiografia; durante il breve soggiorno londinese ha modo di apprezzare invece l’opera di Turner e di Constable, meno dei preraffaelliti.

Nel 1906, a Milano, si iscrive al corso di Cesare Tallone all’Accademia di Brera, conosce Gaetano Previati, Vittore Grubicy de Dragon, Aroldo Bonzagni e Romolo Romani, avvicinandosi al clima divisionista e simbolista, le cui influenze si uniscono in una pittura che già mostra tutta la propensione al Realismo e Post-impressionismo. La sua ricerca si evolve ulteriormente quando nel 1910 si unisce ai futuristi, firmando alcuni dei manifesti della prima avanguardia italiana del Novecento. Proprio in occasione di una mostra di pittura futurista, si reca a Parigi nel 1912, anno in cui conosce il cubismo, André Derain, Henri Matisse e Amedeo Modigliani. Ecco che nella sua produzione viene meno l’influenze di Boccioni, ma assimila dal linguaggio elaborato da Ardengo Soffici e dal gruppo di “Lacerba”. Nel 1917 a Ferrara conosce i fratelli de Chirico e Filippo De Pisis e matura una concezione della metafisica del tutto personale, come il giusto equilibrio tra modernità e tradizione. Il primo dopoguerra rappresenta per Carrà un periodo intenso: vive una crisi personale e artistica durante la quale si dedica esclusivamente al disegno e collabora con la rivista “Valori Plastici”. Nel 1922 partecipa per la prima volta alla Biennale di Venezia e in seguito alle esposizioni della Permanente di Milano, organizzate dal gruppo di Novecento Italiano. Durante la fine degli anni Venti si alternano i periodi di soggiorno tra la Versilia e Forte dei Marmi, e ne approfitta per dipingere paesaggi e marine applicando la lezione sulla luce appresa da Cezanne, mentre successivamente ritrova l’interesse per la figura umana. Negli anni Trenta riceve commissioni pubbliche a Milano per la decorazione del palazzo dell’Arte per la V Triennale e per il palazzo della Giustizia e nel 1941 gli viene assegnata la cattedra di Pittura all’Accademia di Brera. Negli ultimi vent’anni di vita la sua attività artistica si divide tra la critica, attività pittorica e l’illustrazione, e la sua produzione sviluppa un’estetica di sintesi delle forme. Muore a Milano nel 1966.

Carlo Carrà nasce a Quargnento, in provincia di Alessandria, nel 1881.

Quintogenito di un calzolaio, scopre la sua vocazione per la pittura all’età di sette anni, durante una convalescenza che lo costringe a letto per più di un mese, in cui trascorre il suo tempo a disegnare. Si forma a Valenza del Po approcciandosi alla pittura di decorazione. Nel 1895 si trasferisce a Milano, dove si iscrive ai corsi serali dell’Accademia e visita spesso la Pinacoteca di Brera e il Museo Poldi Pezzoli....

Carlo Carrà

Cengio 25x30 cm
€ 1.800,00

Carlo Carrà

I dioscuri 21,5x27 cm
€ 1.800,00

Carlo Carrà

Il garzone percosso 45x30 cm
€ 12.000,00

Carlo Carrà

Il genio legislativo 37x24,5 cm
€ 13.500,00

Carlo Carrà

La casa dell'amore 33x24 cm
€ 1.800,00

Carlo Carrà

L'idolo 24x17,5 cm
€ 1.800,00