Assistenza

Siamo qui per aiutarti
+39 091 7574592

+39 339 2896464

Orario Uffici:

L 
16:30-19:30
M/M/G/V/S 
10-13:00 – 16:30-19:30 
D e F chiuso

Renato Guttuso
Cesto con ricci

€ 5.800,00
Artista: Renato Guttuso
Titolo: Cesto con ricci
Misure: 98x121 cm
Tecnica: Grafica
Tiratura: Opera Multipla
Data: 1981 - 1990
Formato: XL
Cod.: RGH102
Tutte le opere vengono imballate accuratamente e spedite senza cornice o vetro.
Tutte le opere sono accompagnate dal certificato di garanzia
DESCRIZIONE

Cesto con ricci 1986, acquaforte, acquatinta e puntasecca, su rame, 67x77,5 cm, stampa a cinque colori su Carta Fabriano 98x121 cm, tiratura 99 esemplari, XXX prove d’artista numerate da I a XXX e 30 Hors Commerce numerati da 1 a 20 H. C. a cura di Stampa Vigna Antoniniana Stamperia d’arte – Roma. 

Quest’ultimo ciclo grafico di Renato Guttuso vede riunite in un insieme unitario stampe che rappresentano l’insieme del mondo grafico frequentato dal Maestro in questi ultimi anni. Dai Tetti di Sicilia alle Nature morte piene di oggetti, dalle Sedie alle Pannocchie alle Finestre. Tutti i temi sono rianalizzati e indagati per il loro valore essenzialmente grafico, per il modo, cioè, in cui la grafica riesce a rivitalizzarli e renderli attuali nella ricerca di Guttuso.

Il Cesto con ricci, un’immagine conosciuta e posseduta dall’artista più volte, continua ad intricarlo per il valore ch’egli può attribuire al segno, per il mondo in cui può svolgerlo sulla lastra con l’ausilio delle tre tecniche calcografiche. L’acquaforte, ora approfondita e sfrangiata dalla puntasecca, struttura il cesto, rende l’intreccio di vimini, media l’accesso della luce ora scurendosi in zone d’ombra, ora scorrendo più delicata sulla lastra. Ma la tentazione naturalistica, il rischio dell’aneddoto, un certo eccessivo compiacimento per la cosa detta, sono qui sublimati dall’impostazione generale della composizione, sospesa quasi irrealmente su uno sfondo d’acquatinta. S’è detto più volte, a questo proposito, che il particolare attaccamento di Guttuso alla realtà va in queste lastre inteso nel suo valore di memoria. I ricci, il cesto, il cielo, nascondono una seconda natura oltre la propria; e lasciano intatta all’artista, e allo spettatore, la possibilità di essere letti con piena partecipazione emotiva: un nido, piccoli uccelli dalle gole spalancate, tutto sospeso su un verde che non è prato e su un azzurro che non è cielo.

Opera pubblicata sul catalogo “Renato Guttuso | opere grafiche dal 1983 al 1987”, a cura di Renato Cardi e Luca Mereghetti, edito da “Maestri incisori s.r.l.”, distribuito da “Plumelia”, p. 71.