Assistenza

Siamo qui per aiutarti
+39 091 7574592

Orario Uffici:

L 
16:30-19:30
M/M/G/V/S 
10-13:00 – 16:30-19:30 
D e F chiuso

Gianbecchina
Eruzione dell'Etna

€ 800,00
Artista: Gianbecchina
Titolo: Eruzione dell'Etna
Misure: 70x100 cm
Tecnica: Grafica
Tiratura: Opera Multipla
Data: 1971 - 1980
Formato: L
Cod.: RGH022
Tutte le opere vengono imballate accuratamente e spedite senza cornice o vetro.
Tutte le opere sono accompagnate dal certificato di garanzia
DESCRIZIONE

Questa originale opera intitolata “Eruzione”, realizzata in esclusiva per il Centro d’arte Raffaello, racconta la storia di una terra: la Sicilia. Protagonista assoluto di questo soggetto è l’Etna, attivo e temibile vulcano, gigante minaccioso, simbolo di forza ed energia inesauribile. Nei volti è raffigurata la paura, volta al terrore, dei personaggi presenti che assistono impotenti allo sprigionarsi di una forza vitale che si fa distruttiva. Questa è una storia eterna: è la storia della natura indomita e ribelle, di fronte alla quale l’uomo non può che assistere impotente, sperimentando la limitatezza delle sue risorse. È la storia di una terra affascinante e singolare come la Sicilia, isola di contrasti, contraddizioni e unicità, terra in cui la lava rossa e infuocata del vulcano scorre la terra fino incontrare il mare. Lì diventa roccia nera, terra in cui i colori si mescolano, stridendo tra di loro e creando un racconto senza tempo. Qui si svela una natura umana che defluisce lungo i secoli, attraversandoli immobile e travolgente al tempo stesso. Tutta l'opera di Gianbecchina nasce e si sviluppa attraverso un corpo a corpo con la pittura, e ci permette di entrare nella tela e vivere in essa, la storia del paesaggio, dei volti, di quei frammenti di vita vissuta, in modo antropologico, intenso e profondo. Questa energia, tradotta in colori e linee regala allo spettatore la verità della fatica, della sofferenza, ma anche della sensualità, intrisa di pensieri, di emozioni, di ansie e rimorsi accompagnate dalle aspirazioni, ma anche da proteste e rabbia. I pigmenti sulla tela divengono terra e grano. Così la sua opera, grazie a questo suo senso di appartenenza alla realtà contadina, di questa meravigliosa isola, la Sicilia, diviene un manifesto sociale che si allea a difesa dei più deboli. Acquatinta su carta del maestro Gianbecchina dal titolo "Eruzione dell'Etna", firmata sul fronte in basso a destra. L'opera è un multiplo del 1980.