Assistenza

Siamo qui per aiutarti
+39 091 7574592

+39 339 2896464

Orario Uffici:

L 
16:30-19:30
M/M/G/V/S 
10-13:00 – 16:30-19:30 
D e F chiuso

Vincenzo Vinciguerra
Giochi sull'arenile

€ 5.800,00
Titolo: Giochi sull'arenile
Misure: 70x70 cm
Tecnica: Olio
Tiratura: Opera Unica
Data: 1991 - 2000
Formato: M
Cod.: RVX010
Tutte le opere vengono imballate accuratamente e spedite senza cornice o vetro.
Tutte le opere sono accompagnate dal certificato di garanzia
DESCRIZIONE

Dipinto di genere di Vincenzo Vinciguerra intitolato "Giochi sull'arenile" datato 1986, olio su tela firmato e datato dall'artista in baso a destra. Con il suo uso sapiente del colore, l'artista, riesce a creare quelle atmosfere tipiche dei grandi maestri siciliani di fine '800. L'opera di questo pittore è fortemente impregnata di sentimento poetico, sia nei paesaggi che nelle figure, che egli muove con grazia e con la delicata postura, lasciandosi ispirare dall'artista francese Millet, esprimendo in pieno la sensibilità dell'anima dell'artista. Una pittura umana, senza essere troppo verista, questa del Vinciguerra, pittura che filtra il naturale temperamento di poeta. Quanto questo artista ci dice con i suoi dipinti è l'espressione, in versi, di una profonda percezione spirituale della realtà, la sua pittura è pregna di carattere poetico e nostalgico.

Se Vinciguerra resta un classico nella forma e nella linea, non manca di essere romantico moderno nella composizione delle sue tele. Raggiungere nei suoi quadri una diffusa luminosità ad una intima trasfigurazione poetica della realtà è lo scopo base che si è prefisso l’artista e la qualità delle sue esposizioni ci sembra che a tale scopo riesca ad avvicinarsi sensibilmente, con la concretezza espressiva dei suoi colori e con l’incessante ricerca dei valori di luce ed ombra. La qualità di questa pittura, classica nella sua impostazione ma non accademica perché attinge alla vita, raggiunge un elevato livello attraverso una sensibilità tonale ed una tecnica della illuminazione frutto di continue appassionate ricerche. Vinciguerra esprime la vita e il suo movimento, ma nella sua pittura si sente l’uomo inquieto, il pensatore che vorrebbe la vita diversa da quella che è in questo mondo dove egli vive. Vinciguerra, infatti, è un artista che reca con sé un mondo che è suo, tutto suo, frutto di sofferenze, di meditazione, di passione.

Esaminando le tele di Vinciguerra colpiscono quelle dedicate al paesaggio, in particolare quello siciliano, rappresentato come un vago oscillare della memoria cullata dalla nostalgia, dove anche la dinamica della presenza umana pare assecondare le linee, il ritmo in fondo che avanza a dismisura e quasi incombe. Negli aspetti più sommari Vinciguerra apre per la Sicilia una stagione particolare, restituendo una iconografia dell’isola in chiave non illustrativa, non declamatoria, ma eleva i temi quotidiani e umani ad un livello simbolico.

Opera pubblicata sul catalogo “Omaggio a Vincenzo Vinciguerra”, a cura di Giuseppe Carli, Edizione Edity, p. 20.