Assistenza

Siamo qui per aiutarti
+39 091 7574592

+39 339 2896464

Orario Uffici:

L 
16:30-19:30
M/M/G/V/S 
10-13:00 – 16:30-19:30 
D e F chiuso

Renato Guttuso
Nudo 3

€ 5.800,00
Artista: Renato Guttuso
Titolo: Nudo 3
Misure: 122x90 cm
Tecnica: Grafica
Tiratura: Opera Multipla
Data: 1981 - 1990
Formato: XL
Cod.: RGH134
Tutte le opere vengono imballate accuratamente e spedite senza cornice o vetro.
Tutte le opere sono accompagnate dal certificato di garanzia
DESCRIZIONE

Nudo 3, 1986, acquaforte, acquatinta e puntasecca, su rame, 88x63 cm, stampa a sette colori su Carta Fabriano 122x90 cm, tiratura 99 esemplari, XXX prove d’artista numerate da I a XXX e 25 Hors Commerce numerati da 1 a 30 H. C. a cura di Stampa Vigna Antoniniana Stamperia d’arte – Roma.

Come un’immagine esclusivamente grafica, questo foglio privilegia le tecniche incisorie per eccellenza, la puntasecca e l’acquaforte. Entrambe rendono la rapidità della realizzazione, come un appunto preso su un blocco per schizzi, un bozzetto da utilizzare in una nuova opera. Eppure la composizione è studiata in ogni sua parte, lo spazio è movimentato da uno scenario, le scale fanno da quinta prospettica alla figura, consentono che l’aria le giri intorno, tornisca le forme, ne definisca il volume. L’acquaforte disegna i tratti netti e tesi delle scale, della giacca indossata alla modella, del chiaro reggicalze. La puntasecca appare invece dove il segno si fa più sfrangiato, il solco più profondo e più imbevuto di inchiostro, come nei risvolti della giacca o dove è il contorno scuro a far scattare la figura verso la superficie del foglio.

Anche in questa figura dove il puro segno gode della massima attenzione Guttuso non rinuncia ad una battuta di acquatinta sul corpo della donna, come un inevitabile tributo a quel bisogno di colore che è caratteristica costante della sua grafica come della pittura.

Opera pubblicata sul catalogo “Renato Guttuso | opere grafiche dal 1983 al 1987”, a cura di Renato Cardi e Luca Mereghetti, edito da “Maestri incisori s.r.l.”, distribuito da “Plumelia”, p. 45.