Assistenza

Siamo qui per aiutarti
+39 091 7574592

+39 339 2896464

Orario Uffici:

L 
16:30-19:30
M/M/G/V/S 
10-13:00 – 16:30-19:30 
D e F chiuso

Vincenzo Vinciguerra
Vecchio peschereccio

€ 4.800,00
Titolo: Vecchio peschereccio
Misure: 60x60 cm
Tecnica: Olio
Tiratura: Opera Unica
Data: 1991 - 2000
Formato: S
Cod.: RVX022
Tutte le opere vengono imballate accuratamente e spedite senza cornice o vetro.
Tutte le opere sono accompagnate dal certificato di garanzia
DESCRIZIONE

Splendida opera di Vincenzo Vinciguerra intitolato "Vecchio peschereccio" datato 1988, olio su tavola firmato e datato dall'artista in baso a destra. Con il suo uso sapiente del colore, l'artista, riesce a creare quelle atmosfere dipiche dei grandi maestri siciliani di fine '800. Vinciguerra, nel corso della sua carriera, non si sofferma esclusivamente alla rappresentazione del paesaggio, ma anche a quello della figura umana, come nudi e maternità. In queste scene l’artista utilizza delle tinte classiche che sembrano rimandare alla lunga tradizione ottocentesca per l’uso della pennellata fluida e costruttiva, perfino un pò barocca, rappresentata attraverso un atto di maestria, di coraggio, in quello svariare di toni bassi, ombrosi. L’opera di questo pittore è fortemente impregnata di sentimento poetico. Sia nei quadri di paesaggio che in quelli di figura, c’è un sentimento che è fedele riflesso della piena sensibilità che anima l’artista.Imperniata su un realismo espressivo, nella linea di Daumier a Fattori con una cupezza quasi spagnola, la pittura di Vinciguerra, a partire dagli anni ’70, tende a cristallizzarsi, frutto di un attenta e meditata passione che nasce da una materia coloristica.  “L’arte come poesia” e la sua tela assume la funzione di un tessuto vivo che vibra di una vita che l’artista è riuscito a dare con l’impalpabile resa pittorica, con il paziente modellare del colore, con il taglio audace delle composizioni e con quel suo mondo come suggerito dall’amore per il paesaggio siciliano.

Opera pubblicata sul catalogo “Omaggio a Vincenzo Vinciguerra”, a cura di Giuseppe Carli, Edizione Edity, p. 22.